×

Politica ed Economia


Vaccino contro covid-19: medici di medicina generale per convincere gli esitanti

Due medici di medicina generale raccontano il loro impegno per sensibilizzare i propri pazienti sulla campagna di immunizzazione e sottoporli al vaccino contro covid-19.

Donna e medico: aggiornarsi non è solo questione di tempo

Ecco una domanda che ancora non ci siamo posti in questa serie di riflessioni: essere donna prima che ricercatrice o medico come condiziona l’aggiornamento? È solo una questione di tempo? O forse è più essere madre che solo essere donna, la discriminante? Ne abbiamo parlato con diverse donne medico, ecco cosa ci hanno raccontato.

Vaccino contro covid-19 negli adolescenti: i pro, i contro e l’opinione dei ragazzi

Quello del vaccino contro covid-19 agli adolescenti è senza dubbio un problema molto complesso, eticamente ed emotivamente delicato. Da quando sono cominciate il tema è diventato da subito fonte di dibattiti e polemiche, sia all’interno che all’esterno della comunità scientifica. Ma anche i ragazzi hanno le loro opinioni e noi siamo andati ad ascoltarle.


Uomo o donna, che differenza fa? Nella ricerca, tanta

In molti ambiti il campione di riferimento per le ricerche – maschio, caucasico, tra i 18 e 65 anni – non è rappresentativo della popolazione generale: non lo è per età, per etnia, per parametri socioculturali e soprattutto non lo è per sesso e genere. Ignorare questi aspetti significa non considerare una persona su due e ha gravi conseguenze per la salute delle donne.

Farmaci, autorità regolatorie e conflitto di interesse. È ora della trasparenza?

Poche settimane fa un tribunale francese ha multato per 2,7 milioni di euro un’azienda farmaceutica che produceva e vendeva un farmaco che sembra abbia provocato centinaia di casi di una grave malattia cardiaca nelle persone che lo hanno assunto. Ma ha punito anche l’agenzia regolatoria che ne aveva approvata la vendita. Una novità che indica un cambio di rotta?


Immidem, guardare la demenza attraverso la lente della diversità

Immidem, come immigrati e demenze, è un progetto che nasce per caratterizzare i disturbi cognitivi nella popolazione migrante in Italia, ma è un’opportunità per capire come e quanto di un approccio sensibile alle differenze in generale possiamo beneficiare tutti.

Meningite B, attenzione a non rimanere indietro

Con tutta l’attenzione rivolta a contrastare la pandemia da covid-19, sono stati trascurati altri aspetti di salute pubblica, come le coperture vaccinali, soprattutto quelle rivolte agli adolescenti. E con le riaperture e l’estate alle porte, il desiderio di aggregazione dei più giovani potrebbe accompagnarsi a un maggiore rischio di malattie infettive come la meningite B.

Covid-19, serve equità per sconfiggere un virus disuguale

Una pandemia non è solo un’emergenza sanitaria, ma anche economica, culturale, sociale. Aspetti, questi, che non possono essere trascurati nello sviluppo di una strategia di risposta. La gestione dell’emergenza deve invece prendere in considerazione le disuguaglianze, soprattutto sulla parte dei meccanismi indiretti

A Roma (e non solo) covid-19 si nutre delle disuguaglianze sociali

Nel corso dei mesi scorsi è emerso chiaramente che l’infezione da Sars-CoV-2 non colpisce tutti allo stesso modo. Sembra infatti che la covid-19 si nutra delle disuguaglianze sociali e, allo stesso tempo, contribuisca ad accentuarle.


Le porte girevoli delle istituzioni

C’è un significato dell’espressione “porte girevoli” che sembra aver ricevuto particolare impulso dall’emergenza sanitaria provocata dalla pandemia: il passaggio di funzionari e dirigenti pubblici dalle istituzioni ad aziende private. E viceversa.

In Italia un bambino su tre nasce povero, e la povertà è discriminazione

La povertà è discriminazione e riduce i diritti fruibili. Lo svantaggio, aggravato dalla crisi sanitaria in atto, riguarda almeno un terzo dei bambini italiani nei primi 1000 giorni di vita. Si deve dunque intervenire per individuare i contesti di maggiore fragilità e strumenti di sostegno alle famiglie dagli incentivi economici alle reti di supporto alla genitorialità.

Nascere poveri ci cambia, modifica i nostri geni e le loro funzioni

Un contesto socio-economico deprivato influenza le traiettorie di sviluppo del cervello, ma ancor prima del nostro cervello, l’ambiente influenza i nostri geni e lo fa in tempo reale, sin dalle primissime fasi della vita. In che modo la povertà può modificare i nostri geni e la loro espressione nei nostri primi mesi di vita?

Disabilità e inclusione: la scuola italiana sta ingranando la retromarcia?

Il 13 gennaio è stato diffuso il nuovo decreto interministeriale in termini di scuola e inclusione degli studenti con disabilità. Secondo molte associazioni e secondo la campagna #noesonero rischia di portare l’Italia indietro di quarant’anni. Abbiamo provato a capirne qualcosa in più.


Profughi siriani in Libano, invisibili e sempre più in difficoltà. Anche contro covid-19

In Libano, la pandemia da covid-19 e la conseguente crisi economica stanno colpendo duramente la popolazione. In particolare, tuttavia, colpiscono i profughi siriani e palestinesi che, non riconosciuti, senza diritti e costretti in campi profughi, non riescono a mantenere le misure di sicurezza e non accesso all’assistenza sanitaria.

Covid-19: una ricerca che resta silenziosa ma è fondamentale

Vaccini e anticorpi monoclonali hanno occupato le pagine di tutti i giornali e scatenato polemiche in tv. Di contro, la maggior parte della ricerca fatta negli scorsi mesi su covid-19 e Sars-CoV-2 è stata condotta in silenzio e forse per questo trascurata. Tuttavia non è stata meno preziosa per costruire quella conoscenza che ci permetterà di superare questa situazione e, possibilmente, prepararci alla prossima sfida.

“Un mondo, una salute”. One Health, da covid-19 all’antibiotico-resistenza

Il concetto di “One Health” si fonda sull’idea di interdipendenza tra salute umana, salute animale e salute degli ecosistemi dove queste esistono. Questo approccio è fondamentale non solo per affrontare le zoonosi come quella alla base di questa pandemia ma anche altre sfide per la salute globale, come l’antibiotico-resistenza.

Anticorpi monoclonali, cosa dice la ricerca

Non trascorre giorno senza che si alzi la voce di un esperto per raccomandare l’uso degli anticorpi monoclonali per covid-19. Sarebbero fondamentali soprattutto “per curare precocemente chi si ammala per tenerli lontano dagli ospedali e dalle rianimazioni”. Vediamo cosa ci dicono i risultati della ricerca, come al solito procedendo un passo alla volta.