×

Norina Di Blasio

'Web content editor' per Think2.it, dove si occupa di tematiche legate alla salute, provando a capirle e a renderle accessibili. Lettrice accanita di Fumetti che recensisce per la testata online Mangialibri.com. Mamma di Sante e Mia. Compagna di Luca. Vorrebbe andare più spesso in bicicletta di quanto lo riesca a fare .


Gipi, serial killer della narrazione, in Momenti straordinari con applausi finti

In Momenti straordinari con applausi finti Gipi ci racconta con chirurgica razionalità e infiniti affacci poetici una perdita importante, quella della madre. Siamo nella dimensione autobiografica, quella più intima, più ostica, più appagante alla quale ci ha abituato questo autore.

Network Medicine: la fine della medicina per come la conosciamo

È arrivata l’era della Network Medicine, un approccio rivoluzionario nel modo in cui guardiamo alla malattia e alla medicina in cui si ragiona in termini di gruppi di pazienti che sono accomunati dagli stessi meccanismi patogenetici alla base delle diverse malattie. Le parole di Harald Schmidt, Direttore del Department of pharmacology and personalised medicine della University of Maastricht.

Smartphone e social media per una fenotipizzazione digitale in medicina

L’uso massiccio che facciamo dei nostri smartphone e la frequentazione compulsiva dei nostri profili social possono essere funzionali alla costruzione di fenotipi digitali o sociali utili a creare un orizzonte comune tra medico e pazienti in cui inquadrare la malattia mentale ma anche fisica per arrivare a cure più efficaci.

La musica ci rende migliori

Come fa la musica a cambiare le sorti di una giornata e motivarci? A dettare il tempo giusto? Risponde, Indre Viskontas, neuroscienziata cognitiva, docente di musica a San Francisco e cantante lirica che ha da poco scritto un libro chiamato proprio “How Music Can Make You Better”.


C’è qualcosa di folle nel cambiamento climatico

Il cambiamento climatico è un tema trascurato nella salute mentale, ma oggi non possiamo permetterci di trattare gli impatti psicologici del cambiamento climatico come una questione che possiamo rimandare, perché le altre questioni – politica, scienza, economia – sembrano più imminenti.

Emiliano Ponzi: illustrare i propri sogni

“L’immaginario collettivo è come se fosse un grande occhio che mi guarda mentre lavoro”, spiega l’illustratore Emiliano Ponzi, lasciandoci un affaccio nel senso che lui stesso dà all’illustrare. “Ignorare l’immaginario collettivo rischia di farci essere ermetici e quindi non comprensibili ai più”.

Crescere emofilici: ostacoli superati, ostacoli da superare

Alcuni ragazzi del Comitato Giovani di FedEmo, in occasione della XV Giornata Mondiale per l’Emofilia, ci hanno raccontato cosa vuol dire essere un emofilico, quali sono gli ostacoli che si incontrano e quanto sia entusiasmante superarli, assieme.

Alziamo la voce sul cambiamento climatico

Ridurre lo spreco alimentare, studiare e promuovere nuovi strumenti di mobilità, affrontare l’inquinamento da plastica negli oceani e il cambiamento climatico… siamo a un bivio e dobbiamo fare delle scelte per la salute e la sopravvivenza delle popolazioni sul Pianeta.


Perchè i nazionalismi pervadono l’Occidente, mentre lo stato nazionale collassa

Dalla Gran Bretagna, alla Spagna, alla Francia, all’Italia, fino alla stessa Germania: i rigurgiti nazionalisti pervadono l’Occidente. Ma ha ancora senso parlare di Stati nazionali? E cosa significa essere nazionalisti oggi? L’opinione di Rana Dasgupta, scrittore britannico di origini indiane al Festiva di Internazionale a Ferrara.

Drogarsi è davvero cool? Un viaggio tra abuso e sintomi psicotici

Che legame c’è tra l’abuso di sostanze e la comparsa di sintomi psichiatrici? Come è cambiato oggi lo scenario delle sostanze presenti sul mercato e più utilizzate? Da Sopsi 2018 un focus sulla relazione tra abuso di sostanze e la comparsa di sintomatologia psicotica.

Né povero, né escluso, né emarginato: un malato è un malato

Lo psichiatra Giuseppe Riefolo guarda al pensiero di Basaglia con la giusta consapevole distanza: facendo tesoro della portata rivoluzionaria del suo operato, ma mantenendo vigile l’attenzione sui rischi nell’interpretare alla lettera il pensiero basagliano, ad esempio, innalzando muri o creando stereotipi.

La storia di un calcio non dato

La storia di Giosetta Fioroni, artista di risonanza internazionale, è una storia di libertà, di sogni che si avverano, di arte. Ora un documentario ne racconta il cammino d’artista, radicato nella sostanza dell’essere donna.