×

Giovanni Barbato

Romagnolo D.O.C dal 1993. Nasce e cresce a Ravenna, città per la quale sviluppa una discreta insofferenza. Appena riesce fugge a Firenze e in Erasmus a Bruxelles per poi laurearsi in Scienze politiche indirizzo comunicazione. Nel frattempo si accorge che la fotografia è un mezzo bellissimo. Si appassiona e tenta costantemente di sposarla con l'altro suo grande amore: il giornalismo. Cerca una via alternativa per apprendere il mestiere e inciampa nella Scuola Holden di Torino. Sempre confuso e alla ricerca di risposte, si emoziona per la buona cucina e le persone educate.

@giovannibarbat9


Le “parole ostili”: così cambia il linguaggio della politica

Durante la seconda edizione di Parole O_Stili dedicata alla politica, Giovanni Diamanti, political strategist e cofondatore dell’agenzia Quorum, descrive il panorama della comunicazione politica oggi.

“Nessuno in fuorigioco”: non il solito calcio

Un viaggio per l’Italia alla scoperta di quelle associazioni sportive dilettantistiche che attorno a un pallone raccolgono migranti e richiedenti asilo con lo scopo di promuovere l’integrazione e il dialogo.

L’uomo che fotografa l’invisibile

Kurt Moser, ex cameraman e fotografo altoatesino che dopo più di trent’anni al servizio dei media tradizionali ha deciso di darsi ad un tipo di fotografia decisamente particolare.

Oltre il populismo cosa c’è? L’analisi di Ilvo Diamanti

Popolocrazia. È questo il titolo del libro di Marc Lazar e Ilvo Diamanti presentato dal politologo italiano, in dialogo con Ferruccio De Bortoli, durante il Salone Internazionale del Libro di Torino.


Prendiamoci cura delle nostre parole

Attraverso le parole definiamo chi siamo, descriviamo il mondo e ci mettiamo in comunicazione con gli altri. Ne ha parlato Vera Gheno, membro dell’Accademia della Crusca, in un intervento al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia.

Oliviero Toscani: la mia vita da fotografo “moderno”

Oliviero Toscani, irriverente, provocatore e un po’ giullare, si racconta a Francesco Merlo di Repubblica durante l’incontro organizzato all’arena di Robinson per il Salone Internazionale del Libro di Torino.

Michelle Wolf: la satira ben fatta dà fastidio a tutti, non solo a Trump

All’annuale cena dei corrispondenti alla Casa Bianca, la comica Michelle Wolf ha creato scompiglio non risparmiando nessuno a partire dal Presidente Trump agli stessi giornalisti presenti in sala.

Cosa resta della scuola italiana? Cosa ne sarà?

Al Festival Internazionale del Giornalismo di Perugia, Girolamo De Michele e Christian Raimo hanno provato a tracciare un quadro della scuola italiana di oggi, che assomiglia sempre di più a una gara.


I dieci comandamenti della creatività, dettati da Austin Kleon

Lo scrittore Austin Kleon suggerisce una lista di dieci cose che possono aiutare ogni artista in carenza di creatività a rispondere alla domanda “come andare avanti?”.

Fra nuove sfide e vecchi errori, il giornalismo si guarda allo specchio

Margaret Sullivan, media columnist del Washington Post racconta quali sono le nuove sfide del giornalismo negli USA, dal coprire un Presidente come Donald Trump ai social media, alla scomparsa dei giornali locali

Selfie e rappresentazione di sè. La riflessione di Concita De Gregorio

“Chi sono io?” è il titolo del libro che Concita De Gregorio ha presentato lunedì 22 gennaio alla Scuola Holden di Torino durante una conversazione con Helena Janeczek. Una riflessione su selfie e autorappresentazione

“Vi stanno riprogrammando”, l’allarme di Chamath Palihapitiya

“Voi non vi accorgete che vi stanno riprogrammando”. Questo l’allarme lanciato da Chamath Palihapitiya, ex responsabile per la crescita degli utenti di Facebook durante una lecture alla Business School della Standford University